Fulmini

Grazie all’esperienza acquisita negli anni dall’ing. Fabio Fiamingo (membro CEI CT 81) e alla collaborazione dell’ing. G Battista Lo Piparo (Presidente CEI CT 81 e segretario CENELEC TC 81X fino a marzo 2017), lo studio svolge attività riguardante la protezione contro i fulmini e valutazione del rischio di:

  • Perdite di vite umane;
  • Perdite di servizio pubblico;
  • Perdite di patrimonio culturale insostituibile;
  • Perdite economiche.

La valutazione del rischio fulmini, eseguita secondo la metodologia dettata dalla CEI EN 62305-2,  determina la selezione, se necessaria, delle misure di protezione quali LPS, SPD, SPM e, in ultima analisi, il costo delle stesse.

Secondo l’art. 84 (D. Lgs. 81/08), il datore di lavoro provvede affinché gli edifici, gli impianti, le strutture, le attrezzature, siano protetti dagli effetti dei fulmini secondo le norme tecniche.  La mancata disponibilità della documentazione di valutazione del rischio dovuto al fulmine non consente l’esecuzione delle verifiche secondo il D.P.R. 462/01.

Tags: